Guardare un lampione e pensare a Pier Paolo Pasolini, a quando segnò la differenza tra due parole: sviluppo e progresso. Il primo come orizzonte del tecnocrate, pragmatico ed economico, il secondo dell’idealista, quindi politico e sociale. Perché dove c’è troppa tecnica, si sa, rischia di esserci poco umanesimo. Questo pensiero dovrebbe nascere nella testa di […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

Avvocati, lo sciopero “a singhiozzo” è un escamotage

prev
Articolo Successivo

Contestare, diritto sacrosanto del tifoso deluso

next