“Crocevia collocato al limite di obiettivi che sembrano impossibili, ma possono essere raggiunti e superati”. È passato un anno e mezzo da quando Sergio Mattarella pronunciava queste parole davanti a pazienti e medici. E oggi quel “crocevia” capace di superare l’impossibile rischia di chiudere. O, al limite, di trasformarsi in una delle tante strutture di […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Caos in piazza a Torino: gli organizzatori nei guai

prev
Articolo Successivo

Il segreto del Giapponese è il Buondì sempre caldo

next