Tutti noi, almeno una volta nella vita, vorremmo essere Matteo Salvini. Anche solo per partecipare alla gara di rutti annuale con Borghezio e Calderoli. Come noto, Salvini è quasi sempre in tivù. Giustamente: sa usare il mezzo, fa buoni ascolti e, a differenza di tanti politici (su tutti i renziani), non pone veti sulla presenza […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€/mese

Articolo Precedente

Una grande occasione perduta

prev
Articolo Successivo

Ciao Montalbano, eroe civile in un’Italia incivile

next