È stata definita “sanità negata” perché chi rinuncia non ha altra scelta: 12,2 milioni di persone in Italia, nell’ultimo anno, hanno rinunciato o rinviato prestazioni sanitarie. Come se non bastasse, il numero è in crescita: 1,2 milioni in più rispetto all’anno precedente mentre chi si cura è costretto a rivolgersi al settore privato, tra attese […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

“All’ospedale militare dissi tutto dell’uranio”

prev
Articolo Successivo

Buste gialle con esplosivo per i due pm anti-sovversivi

next