Tre anni fa, nel carcere di Opera, Totò Riina si vantava di avere fatto salire Rocco Chinnici “dai palazzi’’, di avere trattato come un “tonno” Giovanni Falcone e ordinava di riservare la stessa fine al pm Nino Di Matteo: “Facciamolo, lo faccio finire peggio di Falcone”. Ora che la prima sezione della Cassazione ha “aperto’’ […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

“Città di politici-zombie e Antimafia neomelodica”

prev
Articolo Successivo

“Resti dentro, non si è mai pentito”

next