Il piccolo e ricchissimo petro-emirato sunnita del Qatar, finanziatore del jihadismo armato dalla Siria alla Libia, è uno dei principali clienti dell’industria bellica italiana – assieme all’Arabia Saudita e altri Paesi arabi che ora gli voltano le spalle, pur avendo essi stessi sponsorizzato l’estremismo islamico. Il business militare tra Roma e Doha inizia nel 2011, […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Trump, petrolio e jihad la grande faida del Golfo

prev
Articolo Successivo

Igor, due mesi di caccia inutile. “Allora boicottiamo le urne”

next