Ealla fine Antonio Campo Dall’Orto se ne va. Ma non ancora, per non lasciare il vuoto saluterà la poltrona da direttore generale il 6 giugno, al prossimo consiglio di amministrazione, quando il governo avrà già identificato il successore. “Ci siamo dati da fare, ci siamo battuti per rendere sempre più liberi gli autori e sempre […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Il M5s deve uscire dall’isolamento

prev
Articolo Successivo

All’Unità volano gli stracci e Bonifazi molla Pessina

next