Ora che pare certo il sistema elettorale tedesco, si spera che non venga snaturato con le solite stravaganze all’italiana per piegarlo alle convenienze di questo o quello. È un modello accettabile per tre motivi: viene dal Paese più prospero e meglio governato tra i grandi d’Europa; ha un impianto proporzionale ed elegge metà parlamentari con […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 13,99€ / mese per il primo anno
( successivamente 14,99€/mese )

Articolo Precedente

La vignetta di Vauro

prev
Articolo Successivo

La testatina 3005

next