Il Giro d’Italia torna antico e feroce. Bellissimo e ingiusto. Segnatevi la data: successe martedì 23 maggio dell’anno di grazia 2017. La data in cui è andata in scena la tappa “regina” della centesima edizione, quella che ha ristabilito gerarchie e prospettive. Con il micidiale Mortirolo all’ora di pranzo e poi due volte due lo […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

D’amore e terrorismo: Roma chiama Parigi

prev
Articolo Successivo

Una vita da César Gómez: cinque minuti in campo a perdere il derby

next