Messina. Nel 2008 nasce A.: è un bambino sano, con un indice di Apgar (che stabilisce la vitalità e l’efficienza delle funzioni vitali primarie subito dopo il parto) di nove decimi. Medici, infermieri, parenti, nessuno nota nulla di strano nel nuovo arrivato. “A due mesi – racconta la madre – lo sottoponiamo al vaccino esavalente”. […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Garanzia giovani, garanzia di precariato. Su un milione, assunti solo in 40 mila

prev
Articolo Successivo

Le Pen fischiata nella chiesa dei Re: “Potrei perdere”

next