“Macron, c’est du populisme mondain”, ha sibilato qualche giorno fa François Baroin, senatore e sindaco di Troyes, nella squadra del candidato gollista François Fillon, che se dovesse diventare presidente, lo vorrebbe come primo ministro. Macron, cioè il populista mondano: che sia questa la formula magica di Emmanuel per conquistare l’Eliseo? Borghese, “liberale sociale” ma anche […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Spari nel cuore di Parigi, la paura domina le urne

prev
Articolo Successivo

“Tumore da telefonino”. Il conto lo paga l’Inail

next