A Torino il bar del tribunale è stato gestito per alcuni mesi da un’azienda dietro la quale si celava, secondo la Procura, un pregiudicato vicino ai clan della camorra. Avvocati e magistrati prendevano il caffè al bancone della ditta il cui socio occulto sarebbe un pregiudicato per reati di mafia. L’azienda, la Service Companies di […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Guerini: la politica è una cosa bella. Ma a volte anche no

prev
Articolo Successivo

Moby Prince, un’altra inchiesta sul disastro del traghetto e il presunto traffico di scorie

next