Greenpeace, Legambiente e Wwf: ieri le tre maggiori associazioni per la difesa dell’ambiente hanno fatto fronte comune contro il Ministero dello Sviluppo Economico. Il Mise, con un decreto ministeriale del 3 aprile, ha infatti introdotto una modifica che permette alle compagnie petrolifere di costruire nuovi pozzi e piattaforme entro le 12 miglia dalla costa. Un […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€/mese

Articolo Precedente

Il Tar dà ragione alla Puglia: fermato l’espianto degli ulivi

prev
Articolo Successivo

Il Csm vuole trasferire il magistrato “sceriffo”

next