Sul Codice per il Paesaggio Rutelli/Settis il governo e per esso il ministro Dario Franceschini cala di nuovo, col solito decreto, la scure. Via i controlli delle Soprintendenze sulle autorizzazioni paesaggistiche in aree già tutelate, vincoli ritenuti da privati e Comuni “inutili appesantimenti burocratici allo sviluppo”. Il termine “semplificazione” significa infatti che saltano o vengono […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€/mese

Articolo Precedente

Popolo di faccendieri. Se B. torna ci sta bene

prev
Articolo Successivo

Il nuovo ad di Fiera Milano: l’uomo giusto per gli amici

next