La giustizia chiede conto ad Angelo Balducci per il suo illecito arricchimento maturato, secondo i magistrati, come ex provveditore alle opere pubbliche e come presidente del consiglio superiore dei lavori pubblici. Beni per circa 9 milioni di euro sono stati sequestrati, al fine della confisca, nell’ambito delle inchieste che hanno visto Balducci coinvolto sui cosiddetti […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 19,99€ per 3 mesi