Il Campidoglio chiede una sponda al governo per risanare i conti delle sue disastrate aziende municipalizzate. Ieri l’assessore alle Partecipate, Massimo Colomban, ha lanciato l’idea di dirottare 3 miliardi di euro di passività dalle casse del Comune ai conti della gestione commissariale del debito storico, accumulato dal Campidoglio fino all’aprile 2008. Una manovra, tutta finanziaria, […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 19,99€ per 3 mesi

Articolo Precedente

Perché ai 5 Stelle piacciono le toghe e pure il garantismo

prev
Articolo Successivo

Berlusconi non pensa a Ruby e irrompe al Salone del mobile

next