Dopo una giornatadi polemiche tocca alla Regione, con una nota, riassumere i termini della questione: “C’è un gruppo di lavoro che sta studiando, seguendo le direttive dei Piani Operativi approvati dal ministero della Salute, la possibilità di offrire alle donne di accedere all’aborto farmacologico con la pillola RU486 anche nei consultori familiari. A conclusione di […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 19,99€ per 3 mesi