Quando era stato nominato in tutta fretta, il 20 febbraio, il generale Herbert Raymond McMaster parve a tutti un vaso di coccio fra vasi di ferro: messo lì come seconda scelta, dopo le dimissioni ‘causa Russia-gate’ del generale preferito dal presidente Trump, Michael Flynn, McMaster s’era infatti visto infoltire il ‘suo’ Consiglio per la Sicurezza […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 19,99€ per 3 mesi

Articolo Precedente

La vignetta di Vauro

prev
Articolo Successivo

Messico e piombo. Non è un Paese per giornalisti

next