Il filosofo Gianni Vattimo è stato assolto dall’accusa di falso per una questione legata al movimento No Tav. Vattimo era accusato di aver presentato, nel 2013, all’ingresso del carcere due attivisti come “consulenti per i movimenti sociali”. Per i pm però questa versione non corrispondeva al vero: i due attivisti in realtà volevano incontrare due […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 19,99€ per 3 mesi

Articolo Precedente

“Mr. discoteche” estradato dal Kenya: evase 17 milioni di euro

prev
Articolo Successivo

Delitto di Alatri, accusa di omicidio per altre 5 persone

next