Il 1993 è davvero un anno importante, il consenso intorno alla magistratura – e alla giustizia – raggiunge livelli altissimi e in Italia c’è attesa, speranza, voglia di liberarsi di malaffare e corruzione. Eugenio Scalfari va a Milano, nel palazzo di giustizia, a incontrare Borrelli, D’Ambrosio, Di Pietro, Colombo, Davigo. I cinque di Mani Pulite. […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 19,99€ per 3 mesi

Articolo Precedente

Mail Box

prev
Articolo Successivo

Mattarella, la politica svuota le sale

next