Le bombe di Pietroburgo subito attribuite al terrorismo di matrice islamica – ossia caucasica, secondo l’equazione di ogni regime russo, ma in particolare di quello putiniano – hanno improvvisamente precipitato il Paese in un clima di paura, e di collera. La paura è l’anticamera delle svolte autoritarie, anzi, ne è il codice primario. La collera, […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

La strage di San Pietroburgo e l’“attentatore perfetto”

prev
Articolo Successivo

Vucic e il “patto dell’oblio” serbo che lava le coscienze dell’Europa

next