ANizhnij Novgorod la polizia rastrella le scuole e porta via gli studenti con l’accusa che avrebbero partecipato alla manifestazione di domenica 26 marzo”. La denuncia arriva da Igor Kaliapin, confondatore del Comitato russo contro la tortura. Kaliapin vive a Nizhnij Novgorod, la terza città del Paese, ha offerto assistenza legale ai minori che sono stati […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Danni relativi per le nostre aziende, ma si rischia la spirale delle ritorsioni

prev
Articolo Successivo

Maduro e la dittatura della Corte suprema

next