Massimo Colomban, assessore alle società partecipate del Comune di Roma (oltre 40 aziende, 24 mila dipendenti e un buco di 800 milioni all’anno) ha avuto un’idea a prima vista geniale. Volendosi dotare di un braccio operativo di qualità per la riorganizzazione e il coordinamento della Campidoglio Holding, ma non disponendo di fondi sufficienti, l’ha fatto […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Palermo, debutta il post-Pd. La lista a metà con Alfano

prev
Articolo Successivo

Sala accelera per cacciare Rota. E il manager viaggia verso l’Atac

next