Denis Voronenkov, l’ex deputato della Duma russa, ammazzato giovedì a Kiev, in circostanze piuttosto sospette, è solo l’ultima vittima di una serie di strani omicidi o tentativi d’omicidio che hanno coinvolto negli ultimi mesi parecchi russi eccellenti e che sembrano piuttosto essere delle esecuzioni. Voronenkov era stato eletto nelle liste del partito comunista. Nel 2014 […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Le promesse di Trump sbattono contro la realtà

prev
Articolo Successivo

“Papà mi lasciò alla fame, ma poi i cinepanettoni mi han dato da mangiare”

next