La Direzione distrettuale antimafia di Catania ha sequestrato la Cisma Ambiente Srl, titolare dell’omonima discarica di 550 metri cubi a Melilli (Siracusa) in cui sono state trasferite dall’Ilva di Taranto circa 40 mila tonnellate di polverino d’altoforno. Secondo i magistrati gli imprenditori Antonino Paratore e il figlio Carmelo, entrambi arrestati, sarebbero “prestanome” del boss ergastolano […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)