Il 30 settembre 2015, Alfredo Romeo è “molto teso”: è “in ritardo” a un appuntamento all’Autorità Anticorruzione, guidata da Raffaele Cantone. L’Anac può creargli qualche grana proprio per il ruolo di controllo negli appalti pubblici. E Romeo lo sa, tanto che, secondo gli investigatori e come anticipato dal Fatto, tenta di “ingraziarsi” Cantone. Il motivo […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Consip, Romeo il 6 dicembre: “Tiziano l’ho incontrato”. Due pizzini sui soldi

prev
Articolo Successivo

Il campano si vantava: “Il Fatto non si occuperà più di me”. Illuso

next