Telefono a un cellulare. Mi risponde una voce maschile, milanese, sulla cinquantina si direbbe dal tono. Mi rendo conto di aver sbagliato. “Mi scusi credo di aver sbagliato numero”. “Non mi secchi. Io sto lavorando”, risponde sgarbato. Cammino per via Manzoni una strada molto trafficata dai pedoni. Mi urto con un signore elegante, che va […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

“Ho messo in salvo 45 italiani e nessuno mi ha detto grazie”

prev
Articolo Successivo

“Per ‘Alien 2’ è impazzita la 20th Century Fox. ‘Arrapaho’ film stupendo”

next