Dopo Michael Flynn, anche Jeff Sessions resta impaniato nel Russia-gate: il ministro della Giustizia parlò “un paio di volte” con l’ambasciatore russo a Washington Serghiei Kisliak nel 2016, durante la campagna elettorale, quand’era consigliere dell’allora candidato Donald Trump. E non fece poi cenno ai colloqui, nell’audizione di conferma in Senato, quando gli venne espressamente chiesto […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Serve un New Deal europeo per rendere popolare la Ue

prev
Articolo Successivo

Berta un anno dopo: omicidio senza verità

next