Il sequestro dei quattro tecnici della Bonatti avvenuto in Libia a luglio del 2015 poteva essere evitato se l’azienda avesse attuato le misure di sicurezza previste per chi lavora in quell’area. Ne è convinta la procura di Roma che ha chiuso l’indagine sulla vicenda nell’ambito della quale morirono, a marzo del 2016, due dei rapiti, […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Aborto, i vescovi e Lorenzin contro i non obiettori

prev
Articolo Successivo

Carige, piange il banchiere: 8 anni e 2 mesi a Berneschi

next