Il suo nome ha fatto il giro del mondo. Per cinque giorni è stato l’uomo più ricercato, il latitante numero uno. Braccato ha girato mezza Europa. Lo ha fatto armato. Dalla Germania all’Olanda, fino in Francia, poi in Italia, davanti alla stazione ferroviaria di Sesto San Giovanni, hinterland a nord di Milano. Qui Anis Amri, […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€/mese

Articolo Precedente

Gli agenti dormienti e il protocollo ceceno

prev
Articolo Successivo

“Basta italiani cazzoni, non facciamoci scippare la creatività degli antenati”

next