La Procura di Venezia ha chiuso il filone di indagine relativo alla vicenda Mose che vede coinvolte otto imprese che hanno lavorato alle barriere mobili e opere accessorie ‘dimenticandosi’ di controllare, secondo l’ipotesi d’accusa, se i loro manager davano dazioni, secondo la gestione dell’allora presidente del Consorzio Venezia Nuova (Cvn) Giovanni Mazzacurati, per ‘spingere’ l’opera […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€/mese