La trattativa? “Io non c’entro. Contro di me solo calunnie, ma il teorema doveva restare in piedi”. L’accusa di Massimo Ciancimino che lo definisce il terminale del patto mafia-Stato? “È inattendibile. Solo Ingroia poteva credergli, sostenendo che la sua credibilità andava valutata volta per volta”. L’incontro con Borsellino il 1° luglio del ’92? “Su quel […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

“La Terra dei fuochi uccide ancora bambini”

prev
Articolo Successivo

Bologna, ancora scontri tra poliziotti e studenti del collettivo autonomo

next