Il malware utilizzato per accedere al sistema informatica della Farnesina sarebbe simile a quelli usati anche dalla scuola russa di polizia informatica. Per questo i magistrati capitolini sospettano che ci siano proprio i russi dietro l’azione di cyber spionaggio al Ministero degli Esteri quando era titolare l’attuale premier Paolo Gentiloni. Per adesso però è ancora […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 13,99€ / mese per il primo anno
( successivamente 14,99€/mese )

Articolo Precedente

Al Cremlino tutti pazzi per il compagno Gentiloni

prev
Articolo Successivo

Due cuori e una bomba in nome di Daesh

next