Il dolore e la rabbia delle mamme della Terra dei fuochi. Donne giovani che si sono viste strappare i loro figli da tumori dal nome impronunciabile. Soffrono, pregano, e combattono. Portano il loro dolore in piazza, come hanno fatto pochi giorni fa sotto la sede della prefettura di Napoli. “Ma la lotta più dura – […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Il caos degli immobili sui conti dell’Inpgi

prev
Articolo Successivo

Trattativa, Mancino: “Solo Ingroia poteva credere a questo teorema”

next