Il pendolare di Trenitalia è destinato a soffrire (ancora)

Abbonamenti rincarati, poi tagli, qualche ripensamento. Ma la sostanza cambia poco
Il pendolare di Trenitalia è destinato a soffrire (ancora)

Una vittoria? Macché. La notizia della riduzione del 50% dell’aumento di prezzo dell’abbonamento all’Alta velocità è una presa in giro da parte di Trenitalia. È lontana mille miglia dalle nostre richieste”. E Larsia Ventra, una toscana tutta d’un pezzo, ne se qualcosa di distanze: da 25 anni è una pendolare che per lavoro fa su […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2019 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.