Ci saremmo aspettati che a un certo punto il disegnatore satirico Staino, che in quanto tale avrebbe dovuto avere come unico compito, ma soprattutto desiderio, quello di prendere per i fondelli il potere, lasciasse per sempre l’Unità: un grigio quotidiano voltagabbana, asservito al segretario del Pd di turno, agonizzante da anni, inutile retaggio di un’Italia […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 19,99€ per 3 mesi

Articolo Precedente

Ora il governo chiede i danni a Verdini

prev
Articolo Successivo

“Pupari e Stato nell’horror show di via D’Amelio”

next