Plato amicus sed magis amica veritas. Perciò devo replicare all’articolo scritto ieri per il “Corriere” da Felice Cavallaro in occasione del trentennale della celebre polemica di Sciascia sui professionisti dell’antimafia. Sciascia fu profeta, dice Cavallaro. Perché vide prima di altri i profittatori del marchio “antimafia”. E cita subito il caso della magistrata Saguto. In realtà […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Scopelliti inguaia la moglie: ipotesi riciclaggio

prev
Articolo Successivo

La faida dei tabloid che può travolgere la carriera di Bibi

next