È stata una delle principali inchieste del 2016, che ha portato alle dimissioni di un ministro, Federica Guidi, tra gli imbarazzi delle intercettazioni e le abituali polemiche sull’ascolto delle telefonate dei politici. Ma ora, a distanza di mesi da quando i giornali riempivano pagine e pagine con atti e indiscrezioni sulle indagini, che fine ha […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€/mese

Articolo Precedente

La testatina 0401

prev
Articolo Successivo

Passato il clamore, i voti “inquinati” restano nel cassetto

next