La polemica sul “garantismo” e sul nuovo Codice etico varato dai Cinque Stelle ha riaperto l’annosa questione del rapporto tra politica e magistratura. Grillo e i suoi sono accusati di aver cambiato idea su uno dei cavalli di battaglia del Movimento: ora, dicono le regole votate ieri, nemmeno per loro un avviso di garanzia è […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€/mese

Articolo Precedente

No di Raggi alle Olimpiadi, niente soldi per il Palasport

prev
Articolo Successivo

Fatto a mano di Natangelo

next