Tratto da una storia vera: il giornalista scrive una notizia su un regolamento della Camera dei deputati. Vengono riportate le parole di una comunicazione ufficiale della Camera, che giornalisticamente è una fonte primaria e attendibile. Poco dopo, la Camera smentisce in parte la notizia senza però ammettere di aver commesso per prima l’imprecisione e senza […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Tanta voglia di censura in Europa (e in Italia)

prev
Articolo Successivo

Breve guida a un dibattito surreale: da “fake news” a “post-truth” (a Soros)

next