Tanto tempo fa, alla vigilia di Natale, chiesi al giovane pizzaiolo sotto casa di indossare gli abiti di Babbo Natale, compresa una barba bianca lunga lunga, gli consegnai un sacco di juta, lo riempii di giocattoli e gli chiesi di salire a casa a mezzanotte e bussare forte forte. Mio figlio Stefano aveva 4 anni. […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Museo del Gatto: sfida al buonsenso e flop

prev
Articolo Successivo

Visco, Padoan e i burocrati. Fischiettando sul Titanic

next