Qualcuno forse ricorda Mario Brega che, nelle vesti del suocero pizzicagnolo di Borotalco, infilava in bocca a Carlo Verdone le sue olive: “Assaggia st’olive… So’ greche… Come so’ st’olive?”, chiedeva. E Verdone: “So’ greche…”. Ecco, pure le lettere della Bce arrivate al Monte dei Paschi subito dopo Natale “so’ greche”: nel senso che la Vigilanza […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Bevilacqua, transizione incompiuta dal Panda al graphic novel

prev
Articolo Successivo

Cattiveria 2812

next