Nel magico film Der Himmel über Berlin di Wim Wenders (Il cielo sopra Berlino, 1987) Bruno Ganz – che interpreta l’angelo Damiel – canta l’elogio dell’infanzia. L’ha scritto Peter Handke, e i suoi versi sono come labirinti di strade e sentimenti, di rimpianto, forse, perché quando il bambino era bambino – metafora dell’innocenza, dunque anche […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Ribelli senza una causa: meglio il jihad del nizam

prev
Articolo Successivo

“Roma, Giubileo della sicurezza”

next