Per usare un eufemismo non ha gradito la composizione del nuovo governo. Massimo D’Alema – il volto del No democratico al referendum fin dall’inizio (Pier Luigi Bersani e soci se la sono presa comoda) – ha ieri seppellito l’esecutivo Gentiloni sotto il consueto sarcasmo. Si trovava a Potenza, l’ex Lìder Massimo, e lì ha trovato […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

fatto a mano di natangelo

prev
Articolo Successivo

Dal Pd al partito di Matteo: il congresso secondo Renzi

next