Il gioco di chi a Roma ha rappresentato la giustizia egiziana è sempre lo stesso: tendere la mano ai magistrati italiani, assecondando (parte) delle richieste, ma senza mai consegnare un risultato investigativo veramente decisivo. È questo che sta avvenendo da circa 10 mesi, dal 3 febbraio scorso quando il corpo di Giulio Regeni è stato […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

I leghisti la spuntano: i veneti sono “minoranza nazionale”

prev
Articolo Successivo

La lenta discesa agli inferi del Venezuela, tra paese alla fame e repressione

next