Mohammad è un giovane medico. Mentre camminiamo tra le tende del campo di Jeda’ah, nella piana polverosa di al Qayyara, dove il nostro team è impegnato a portare soccorso alle persone in fuga dai combattimenti, mi dice: “Un giorno tra questa gente potrei trovare la mia famiglia”. Per lui essere qui non è semplicemente un […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

“Prenderemo i killer di Giulio”: parola di Sadek

prev
Articolo Successivo

“Defollowati” e infelici: la paura social dell’abbandono

next