Sono felice ma non penso sia il caso di festeggiare: il Paese è rimasto paralizzato per sei mesi. Gli elettori si sono trovati di fronte un quesito ingannevole, mentre la materia su cui votavano era infinitamente più complessa; per una persona comune è stato davvero difficile riuscire a farsi un’opinione compiuta. Penso che molti abbiano […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€/mese

Articolo Precedente

È bello che i primi a bocciare la riforma siano stati i giovani

prev
Articolo Successivo

“L’immobiliarista Romeo favorito dai Renzi boys”

next