Non saranno state anime gemelle, Laura e Leonardo, ma certo si erano trovati alla perfezione: lei, infermiera, pianificava deliranti progetti omicidi – ai danni persino dell’anziana madre e dei due figli – e lui, vice primario di anestesia, aveva il potere di metterli in atto. Con un cocktail di farmaci letali. Insieme sono riusciti a […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Il lavoro uccide ancora. Tre vittime su una nave

prev
Articolo Successivo

Cade l’accusa di estorsione: Arnone liberato dal Riesame

next