Dieci anni fa, il 23 novembre, moriva Alexander Litvinenko, l’ex agente del Kgb avvelenato da una dose di plutonio 210 somministrato da due suoi ex colleghi mentre si trovavano nella tea room di un albergo del centro di Londra. Lo stesso giorno dell’anniversario, non a caso, il coroner’s court della contea di Oxford ha depositato […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Una Costituzione tutta per lui. Il Sultano vuol regnare a vita

prev
Articolo Successivo

#nonunadimeno, il buco nero dei fondi stanziati dal governo

next