II dibattito fra economisti sul Fatto e il Manifesto ha visto la contrapposizione fra quelli dell’euro “reversibile”, che cercano di guardare con freddezza oggettiva a costi e vantaggi dell’uscita, e quelli della “irreversibilità dell’euro” che mancano di proporre un’alternativa alla morte lenta del Paese, limitandosi a funesti allarmismi. “Di doman non v’è certezza” per tutti, […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 19,99€ per 3 mesi

Articolo Precedente

Sorpresa: tagliati i soldi promessi per assumere 7mila infermieri e medici

prev
Articolo Successivo

Morti sul lavoro, boom nell’edilizia. E sono soprattutto i più anziani

next